L’Amour Fou

25

Novembre
... dopo il grande successo dello scorso anno con VARIAZIONI ENIGMATICHE ritorna Gianni Caputo
IN MEMORIA DI YVES SAINT LAURENT “Ho perduto il testimone della mia vita, temo che ormai vivrò con minor cura di me stesso”. Con questa citazione di Plinio il giovane, si apre il romanzo epistolare di Pierre Bergé, compagno del celebre stilista Yves Saint Laurent, scomparso nel 2008. Attraverso le sue lettere, scritte nell’arco di un anno, Pierre Bergé si immerge nei sofferti ricordi per evocare miserie, dolori e glorie passate di una personalità surclassante e terribile come quella del più famoso stilista francese della seconda metà del Novecento, inventore del prêt-à-porter femminile, amico del ’68, figlio di colonialisti, divenuto direttore della maison Dior già alla tenera età di diciotto anni. Solida spalla, Pierre accende i riflettori sul genio dell’haute-couture traviato dall’alcol e dalla droga, dall’esasperazione prodotta dalla solitudine, nonostante, l’amore pazzo che per cinquant’anni di vita ha permesso ai due di diventare persino i più famosi collezionisti d’arte del nuovo millennio. Circondato da opere di valore inestimabile come Matisse, Picasso e Brancusi, Bergé decide di mettere all’asta i suoi 733 lotti, poiché senza Yves tutta questa ricchezza perde qualsivoglia ragione di esistere.